Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Tortona

Il Comune scrive al Prefetto: "sui profughi Tortona ha già fatto la sua parte, ora tocca agli altri”

Gli amministratori tortonesi dicono basta e lamentano una mancanza di coinvolgimento e di informazione. “in soli sei mesi a Tortona si sono perse le tracce”di 9 profughi che non hanno fatto rientro nella struttura e non è stato invece possibile coinvolgere adeguatamente i profughi in attività di utilità sociale”
TORTONA - Nell’imminente scadenza del termine previsto per il primo bando 2017 per l’accoglienza di cittadini stranieri e la gestione dei servizi connessi sul territorio della provincia di Alessandria, che potrebbe comportare un aumento delle assegnazioni di profughi anche a Tortona, il sindaco Gianluca Bardone e l’assessore Marcella Graziano hanno espresso con decisione e fermezza la propria contrarietà, inviando una lettera al Prefetto di Alessandria. In particolare gli amministratori tortonesi dicono basta e lamentano una mancanza di coinvolgimento e di informazione, per cui, ancora una volta, si potrebbe subire le conseguenze di scelte assunte da soggetti terzi, senza alcuna condivisione con i rappresentanti dei territori, che esprimono la voce dei cittadini e devono quotidianamente fare i conti con le reali esigenze delle città.

È stata ribadita la convinzione che solo un sistema di assegnazioni più equo, che coinvolga in maniera proporzionale tutti i Comuni, in particolare quelli centri zona, possa rappresentare un criterio condivisibile e rappresentare una reale opportunità di integrazione per gli stessi stranieri, a differenza di quell’accoglienza realizzata attraverso concentrazioni di numeri elevati all’interno di singole strutture, che risulta di più facile attuazione solo per i soggetti gestori. Il Sindaco stigmatizza inoltre come in soli sei mesi a Tortona si siano “perse le tracce” di 9 profughi che non hanno fatto rientro nella struttura e non sia stato invece possibile coinvolgere adeguatamente i profughi in attività di utilità sociale.

Nella nota inviata al Prefetto il Sindaco ha voluto inoltre sottolineare il fatto che sono ormai mesi che il Comando Polizia Municipale, con le esigue risorse umane a disposizione, sta svolgendo una campagna di contrasto al cosiddetto accattonaggio molesto che, tra l’altro, ha rilevato la presenza di profughi provenienti da assegnazioni in altri territori. Peraltro l’Amministrazione Comunale aveva cercato di dotarsi di uno strumento idoneo ad intervenire, proponendo all’attenzione del Prefetto una bozza di provvedimento a firma del Sindaco, che tuttavia è stato cassato ravvisando la mancanza dei requisiti di contingibilità ed urgenza.

Nella convinzione che la Prefettura, quale Ufficio Territoriale del Governo, sia chiamata ad ascoltare gli Amministratori locali e le esigenze delle Comunità, il sindaco Bardone ha detto basta e si è dichiarato non più disponibile ad accettare ulteriori imposizioni ed assegnazioni di profughi in strutture gestite da cooperative nella città, se non verranno rivisti gli attuali criteri che non favoriscono un'accoglienza diffusa, né tanto meno l'integrazione sociale dei richiedenti asilo.

“I Comuni sono di fatto tagliati fuori da tutte le decisioni che riguardano l’accoglienza, le Prefetture individuano i gestori, le località, i numeri – dichiara il sindaco Gianluca Bardone - siamo però noi sindaci il riferimento a cui i cittadini rivolgono lamentele, presunte mancanze, situazioni di disagio e preoccupazioni. Tortona ha già fatto la sua parte, è il momento che tutti gli altri territori, che finora sono stati a guardare, contribuiscano a gestire questa situazione. Credo che solo attraverso una equa distribuzione e con piccoli raggruppamenti per strutture si possa rendere efficace il servizio offerto dai soggetti gestori e migliorare le opportunità di integrazione di quei giovani, che vediamo vagare per Tortona, apparentemente spaesati e per nulla coinvolti nel contesto sociale”.
26/01/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Pride Alessandria: il corteo per le vie della città
Pride Alessandria: il corteo per le vie della città
Migliaia di partecipanti al Pride
Migliaia di partecipanti al Pride
StrAlessandria 2019
StrAlessandria 2019
'Canapa in Festival' a Borgo Rovereto, le immagini della prima edizione
'Canapa in Festival' a Borgo Rovereto, le immagini della prima edizione
Alessandria-Albissola 3-0, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Albissola 3-0, le foto di Gianluca Ivaldi
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria