Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

In arrivo un'ondata di sfratti in città: "il rischio è una vera emergenza sociale"

L'allarme arriva dal Cissaca che si oppone alla Prefettura per sfratti in arrivo, riguardanti specialmente morosi in edilizia sociale dell'Atc, intenzionata, rispetto al passato, a far liberare gli alloggi con la forza, anche in presenza di minori: "essere in difficoltà economiche non vuol dire essere cattivi genitori"
ALESSANDRIA - Un netto cambio di rotta rispetto al passato, che riguarderà, secondo quanto riportato dai vertici del Cissaca durante un'audizione in Commissione a Palazzo Rosso, specialmente i morosi (spesso incolpevoli) ospiti in edilizia sociale degli alloggi Atc, vale a dire la fascia più debole della popolazione, quella che ha ricevuto un alloggio alle condizioni economiche più favorevoli (rispetto, per esempio, ai contratti in edilizia agevolata, che prevedono facilitazioni ma canoni di affitto più alti), ma che nonostante questo oggi non riesce a pagare quanto dovuto, pur trattandosi di piccole cifre.

"Quello che si prospetta nei prossimi mesi è il rischio di una vera e propria emergenza sociale, e siamo allarmati perché il problema andrà ovviamente gestito, ma non alle condizioni che ci vengono richieste oggi dalla Prefettura, alle quali, lo dichiaramo chiaramente e con fierezza, ci opporremo". A usare queste parole è Stefania Guasasco, direttrice del Cissaca, che rivela la richiesta della Prefettura, vale a dire che siano presenti assistenti sociali del Consorzio a ogni sfratto con presenza di minori che verrà eseguito nei prossimi mesi, e che l'Atc ha preannunciato di voler far eseguire, anche con la forza. 

"Gli sfratti dal 1 gennaio 2018 al 18 giugno sono stati 189 complessivi, di cui 94 da Atc" - spiega la direttrice del Cissaca - ma è prevista una nuova ondata: gli abusivi occupanti di case Atc sono circa 90, e poi c'è chi si trova nelle condizioni di non riuscire a pagare l'affitto. Dopo 3 mesi di morosità l'Agenzia Territoriale per la Casa, che con il cambio di dirigenza ha cambiato rotta, avvia immediatamente le procedure per rendere esecutivo lo sfratto, anche in presenza di minori (a differenza di quanto avveniva in passato, quando la tolleranza era di diversi anni ndr). Noi diciamo chiaramente però che siamo contrati alle logiche proposte dalla Prefettura secondo cui questo debba corrispondere a un allontanamento dei minori dalle famiglie, perché essere in difficoltà economiche non vuol assolutamente dire essere cattivi genitori. In più, sarebbe per noi impossibile anche materialmente dedicare personale per seguire tutti gli sfratti in programma. Si tratta però di un problema reale, sul quale siamo tutti chiamati a trovare una soluzione".

A questi numeri si aggiungono poi gli sfratti legati ai contratti fra privati: "sono 6 o 7 a settimana" - aggiunge Guasasco, "non si tratta di entrare nel merito tanto dei singoli casi, ma serve un ragionamento di sistema. Bisogna premiare ovviamente le persone che pagano regolarmente l'affitto, che rispettano le liste d'attesa dell'Atc senza occupare, che si comportano secondo le regole, ma non si può semplicemente trasformare la situazione in un grande problema sociale. Serve una programmazione di un sistema d'intervento e questo chiediamo al Prefetto". 

Sul tema sono intervenuti anche diversi consiglieri, come Giuseppe Bianchini (Siamo Alessandria), che ha ricordato la situazione particolare di chi ha occupato alloggi in Corso Acqui e via Brodolini: un conto è l'umanità, un conto è chi si ne approfitta. Dobbiamo evitare forme di compiacenza e verificare bene quali sia la situazione. Oggi noto come le denunce fatte contro quegli occupanti siano sostanzialmente state cestinate, e cercheremo di capire come mai presso la Prefettura. C'è il rischio che con il tempo quegli appartamenti vengano usucapiti da chi li ha occupati. Hanno messo dei citofoni, delle cassette della posta, il pulmino passa a prendere i bambini lì per portarli a scuola. Dobbiamo aiutare chi si trova in difficoltà ed è senza lavoro, ma non possiamo tollerare chi eventualmente se ne approfitta. Chi abita lì in molti casi ha la macchina: come la paga? E come paga la benzina se è davvero senza lavoro?"

A stridere ancor di più con i problemi dell'emergenza abitativa arriva poi un aggiornamento, sicuramente non positivo, della decennale vicenda legata al buco nero dell'Housing Sociale di San Michele, un grande fallimento delle istituzioni costato milioni di euro e ancora incapace di offrire ospitalità a chi ne avrebbe bisogno. A chiederne conto sono i consiglieri del Movimento 5 Stelle: "era stato garantito che entro luglio ci sarebbero state le assegnazioni degli alloggi, già con lunghissimo ritardo. Ma ci risulta che tutto sia di nuovo fermo". 

"E' così - spiega Guascasco - perché l'Atc sta trovando diverse difficoltà a ottenere da parte delle ditte subentranti la certificazione dei lavori eseguiti dalle precedenti (che nel frattempo sono stati più volte vandalizzati). Noi avevamo messo da parte 40 mila euro per arredare le due comunità di cui ci dovremmo occupare, e altrettanti fondi si era impegnato a metterli il Comune. Essendo tutto fermo, e almeno fino alla fine dell'anno a questo punto la situazione non si sbloccherà, abbiamo scelto di utilizzare temporaneamente quei fondi per l'emergenza legata alla violenza sulla donne, anche perché se avessimo comunque acquistato gli arredi gli stessi nel frattempo sarebbero probabilmente stati vandalizzati in attesa che gli alloggi diventino operativi". 

Restano tutte le criticità legate poi alla collocazione della cascina e alla convivenza con la parrocchia guidata da don Ivo Piccinini: "loro hanno idee molto ambiziose, ma bisogna fare i conti con la realtà. Il luogo è isolato e non servito, si tratta di una situazione difficilissima da gestire, con il serio rischio di creare un ghetto, cosa che nessuno di noi ovviamente vuole - ha sottolineato la direttrice del Cissaca - per questo ci siamo rivolti a realtà che in grandi città gestiscono progetti di Housing Sociale e non è escluso che in futuro la struttura venga affidata in gestione a uno di questi gruppi, che hanno maggiore esperienza per affrontare situazioni così complesse". 
29/06/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo
Ponte Morandi: le drammatiche immagini dopo il crollo