Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Sanità piemontese "poco trasparente"

E' stato presentato nei giorni scorsi il “Rapporto sullo stato di attuazione delle azioni adottate dalla sanità pubblica in materia di trasparenza ed integrità”. Secondo il Movimento 5 Stelle il Piemonte "fa una pessima figura". Il Santi Antonio e Biagio di Alessandria figura tra le 10 peggiore aziende per quanto riguarda gli adempimenti in fatto di trasparenza
PROVINCIA - E' stato presentato nei giorni scorsi il “Rapporto sullo stato di attuazione delle azioni adottate dalla sanità pubblica in materia di trasparenza ed integrità”.
L'indagine è frutto della collaborazione tra Agenas e Libera e si propone di fornire un primo feedback alle Regioni, alle Aziende ed Enti del Servizio sanitario nazionale sulle azioni intraprese in questi ultimi anni sui temi della trasparenza, dell’etica e della legalità dalle stesse Strutture del Servizio sanitario nazionale.
Il rapporto, corredato da dati e tabelle, non esprime "giudizi" ma fa una fotografica asettica dello stato di fatto. 
Il linea generale, la sanità alessandrina risulta "in media" con quella regionale, ma con qualche nota dolente. A sottolinearlo è il gruppo del Movimento 5 Stelle in regione Piemonte che parla di "pessima figura" da parte del "sistema Piemonte". 

Ad esempio, dice il consigliere Davide Bono, "Per quanto riguarda la voce “trasparenza delle procedure di gara per regione” figura tra le peggiori 5 regioni dove le aziende che hanno reso disponibile la pagina web “Bandi di gara”. Sonora bocciatura anche alla voce “pubblicazione dei bandi di concorso”, peggio del Piemonte risultano solo Puglia e Campania. Analogo discorso la trasparenza dei tempi d'attesa dove la nostra regione è tra le peggiori dieci".

Sempre Bono rileva che "Brilla, in negativo, anche l'Azienda Ospedaliera SS. Antonio e Biagio di Alessandria che figura tra le peggiori 10 aziende di tutta Italia con 41,7% di adempimenti per la trasparenza"

"Ce n'è abbastanza - conclude - per indurre ad una seria riflessione l'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta ed il direttore generale Fulvio Moirano, peraltro già direttore generale di Agenas. Si rende necessario un intervento risolutivo sulle Asl piemontesi per potenziare la trasparenza e le informazioni al cittadino. Provvedimenti già chiesti in aula dal Movimento 5 Stelle ma bocciati dalla maggioranza".
25/11/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano