Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Centro documentazione Benedicta, la Provincia dà il via libera

Il consiglio provinciale approva il protocollo di intesa per il completamento e la gestione del centro di documentazione della Benedicta e trova i 250 mila euro promessi. “L'ecomostro” sarà terminato ma resta il nodo della gestione. L'ente Aree Protette (Parco) si chiama fuori
PROVINCIA – Un altro tassello è stato messo per il completamento del centro di documentazione della Benedicta, nel territorio di Bosio e del parco Capanne di Marcarolo, ma il tavolo resta zoppo. Anche la Provincia di Alessandria ha infatti approvato il protocollo di intesa per terminare i lavori a quello che venne definito un “ecomostro”. Il centro, a ridosso del sacrario dove vennero trucidati i partigiani, avrebbe dovuto diventare un centro didattico e di informazione sul periodo storico e sul territorio. Il progetto prese il via già nel 1999 ma la realizzazione della struttura, rimasta poi incompiuta, iniziò a prendere forma nel 2005. I lavori vennero poi interrotti per una controversia con la ditta esecutrice e per la necessità di rivedere il progetto. A quel punto, finirono anche i fondi.
La Regione lo scorso anno ha stanziato 500 mila euro per il completamento. La Provincia si era impegnata a metterne altri 250 mila. Ieri in consiglio provinciale, approvando il protocollo di intesa, ha messo nero su bianco il suo impegno. “Nonostante le difficoltà di bilancio – ha detto il presidente Gianfranco Baldi – onoriamo l'impegno. Abbiamo faticosamente trovato i fondi. E' un luogo di memoria storica importante, la struttura va completata e resa fruibile. Il compito della Provincia sarà quello di supervisionare gli appalti”. Resta il nodo, non secondario, della gestione. “In un secondo tempo si deciderà come gestirla – anticipa Baldi – e sono dell'avviso che debba spettare agli enti territoriali”.
Gli enti, però, nicchiano per timore di doversi sobbarcare, in futuro, l'intero onere della gestione. Senza garanzie sui fondi per la gestione, l'ente Aree Protette (ex Ente Parco) ha già fatto sapere di non volere firmare la convenzione. Anche l'Unione dei Comuni sembra orientata per un “no”, in assenza di un impegno da parte di Regione e Provincia. Se il protocollo non sarà siglato da tutti i soggetti, non è dato sapere cosa accadrà una volta terminato in centro, dal punto di vista strutturale.
14/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi