Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Politica

Cisl: "Che fare per la scuola dal 5 marzo in poi“

Una pubblicazione diffusa prossimamente in tutte le scuole, ritirabile nelle sedi Cisl di Alessandria ed Asti, e che sarà consegnata dai Segretari Cisl Scuola ai candidati che risulteranno eletti alle Camere
POLITICA - Un'agenda delle priorità, ma non solo, ritirabile presso le sedi Cisl Scuola Alessandria-Asti ed inviata, dalla Cisl Scuola Nazionale, nelle scuole delle nostre province. La Cisl Scuola guarda al dopo voto, quando la concretezza dei problemi sarà il terreno di prova per il nuovo Governo e il nuovo Parlamento, al di là delle promesse contenute in programmi elettorali. Lo fa pubblicando un breve dossier in cui, a partire dalle questioni considerate prioritarie, si sollecita più in generale un diverso approccio della politica ai temi dell’istruzione e della formazione, quali che siano gli esiti della consultazione elettorale del 4 marzo.

Che fare per la scuola a partire dal 5 marzo è il titolo della pubblicazione, che verrà diffusa prossimamente in tutte le scuole, e sarà ritirabile nelle sedi Cisl di Alessandria ed Asti, avviando di fatto il percorso che traguarda la prossima stagione contrattuale.  In primo piano infatti, considerato l’approssimarsi del termine di scadenza (31 dicembre 2018) del contratto da poco firmato, i problemi da mettere al centro della piattaforma per il contratto 2019-21, cui si dovrà cominciare a lavorare a breve. Ma il dossier della Cisl Scuola affronta anche i temi sui quali sarebbe necessario intervenire per via legislativa, tra cui alcune modifiche ritenute auspicabili su aspetti particolari della legge 107/2015 e le urgenze sul versante del precariato e del reclutamento, anche per portare a soluzione la gravissima situazione determinatasi nella scuola primaria e dell’infanzia per gli esiti del contenzioso sui diplomi magistrali.

Per la Cisl su istruzione e formazione è urgente una riflessione condotta in un clima diverso, fuori da arroccamenti e contrapposizioni, recuperando per la scuola la dimensione di “bene comune” che non appartiene alle maggioranze di governo “pro tempore”: da qui la proposta lanciata in chiusura del documento, quella di una Conferenza Nazionale che possa valere anche per “ristabilire, attorno alla scuola e nella scuola, un clima di serenità da troppo tempo mancante”. Un momento di coinvolgimento e di confronto “che abbia anche formale visibilità per essere adeguatamente riconosciuto e valorizzato”.

La pubblicazione sarà consegnata dai Segretari Cisl Scuola Alessandria Asti ai candidati delle province di Alessandria e Asti che risulteranno eletti nelle Camere parlamentari.
6/03/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Operazione Borderline
Operazione Borderline
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Alecomics 2018: i vostri scatti!
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Per un'Europa senza muri: presidio e corteo per una cultura dell'accoglienza e dell'integrazione
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Genoa 0-4. Le foto di Gianluca Ivaldi
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Maltrattamenti e insulti in una scuola dell'infanzia: il video che incastra le due maestre
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponti Alessandrini: per non piangere domani su ciò che andava fatto ieri
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Ponte Tiziano: la crepa sul terrapieno
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
Teatro Comunale e Caffè Marini, cresce il degrado
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
L'ex mercato coperto di via San Lorenzo tenta la rinascita
Il crollo del viadotto Morandi a Genova
Il crollo del viadotto Morandi a Genova