Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Da Palazzo Rosso alla Piazza Rossa, Alessandria strizza l'occhio alla Russia

Alessandria guarda con interesse ad Est: Russia e Romania i paesi 'amici' per far arrivare turisti e idee. Magari come farsi dare dall'UE 60 milioni per la Cittadella, come ha fatto Alba Iulia...
 ALESSANDRIA - Alle congratulazioni per la quarta rielezione di Vladimr Putin a presidente della Federazione Russia pervenute probabilmente da tutto il Mondo, due sono arrivate da Alessandria, dallo stesso indirizzo, peraltro: gli attestati di stima del sindaco Cuttica e del presidente del consiglio comunale Locci, che sebbene fossero espressi a titolo personale rispecchiano almeno le intenzioni politiche e strategiche per il futuro. 

I saluti a Putin farebbero parte di un piano di internazionalizzazione che Palazzo Rosso vuole provare ad attivare, allacciando nuove e proficue relazioni con altre città europee che possano fare uscire la città di Gagliaudo dalla nebbia e dallo smog. Non semplici gemellaggi finalizzati solo a cooperazione o scambi di cartoline per le feste, ma a qualcosa di più concreto e duraturo.

Il primo tentativo di rapporti internazionali non era riuscito benissimo: invitate tutte le città gemellate per il compleanno di Alessandria – gli 850 anni – praticamente nessuna si era presentata. Neppure i nuovi amici russi di Rjazan, impegnati nei festeggiamenti nazionali concomitanti. Rjazan è la grande città natale di Fedor Poletaev, eroe della Resistenza morto a Cantalupo Ligure e celebrato ogni anno dalla Provincia. Così dopo anni di silenzi, la nuova amministrazione ha voluto riprendere i contatti: “Rjazan ha 600 mila abitanti e grazie alla nuova superstrada si trova a un'ora di auto da Mosca”, spiega Emanuele Locci, “Se le sanzioni bloccano eventuali scambi economici, per ora, non ci sono limiti ai flussi turistici: puntiamo a questo. A titolo personale abbiamo condannato le sanzioni, come già manifestato dal governo italiano, nella speranza che in futuro finisca questa ingiustizia”.

Dopo aver partecipato alla festa del 9 maggio (giornata della vittoria contro l'Asse nazista) Cuttica e Locci (nelle foto con il console Pavlov e con l'assessore al turismo della Liguria, Berrino) sono stati invitati in Russia, già questa estate. 

Imparare dalla Romania.
Se dalla Russia si aspettano frotte di turisti – possibilmente gli stessi danarosi che già si fermano all'Outlet di Serravalle – dalla romena Alba Iulia (anche essa tra due fiumi e dotata di una fortezza) Alessandria vuole imparare i 'trucchi' del mestiere… di vincere i bandi europei: “Alba Iulia ha 35 dipendenti nell'Ufficio Progettazione Europea, grazie ai quali ha ricevuto 300 milioni di euro dall'UE”. 60 dei quali sono serviti a riportare all'antico splendore la loro Cittadella: “Hanno letteralmente dissotterrato i bastioni della fortezza che era messa peggio della nostra”.




 
9/06/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Sindaco e Imam alla festa di fine Ramadan
Sindaco e Imam alla festa di fine Ramadan
Festa di fine Ramadan 2018
Festa di fine Ramadan 2018
Alessandria: capitale della prevenzione oncologica
Alessandria: capitale della prevenzione oncologica
Casa delle Donne: luogo vivo e aperto alla città
Casa delle Donne: luogo vivo e aperto alla città
Stralessandria2018 le immagini della corsa quarto gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa quarto gruppo
Cerimonia al cimitero di Alessandria
Cerimonia al cimitero di Alessandria
Bando Idealitu: aspettiamo le vostre idee!
Bando Idealitu: aspettiamo le vostre idee!
Commemorata la rivolta nel carcere di Alessandria
Commemorata la rivolta nel carcere di Alessandria