Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

I succhi di frutta “ostaggi” delle lobby

Questo il commento di Coldiretti Alessandria dopo la bocciatura dell'l’emendamento alla Legge europea 2013 finalizzato ad innalzare la percentuale minima di prodotto dall'attuale 12% al 20%. "Non vengono difesi gli interessi dei consumatori"
 ECONOMIA E LAVORO - “Siamo sconcertati. Apprendere certe notizie fa riflettere perché punta l’attenzione su come le lobby industriali siano riuscite a prendere il sopravvento sulla logica della salute e della qualità. L’aumento al 20% di succo di frutta nelle bibite analcoliche era un provvedimento di grande rilievo perché prevedeva un innalzamento della percentuale di qualità di una bibita accrescendo la presenza di succo naturale di frutta in esso contenuta. Il consumatore avrebbe potuto avere a disposizione un prodotto di qualità maggiore, con un’alta percentuale in più di succo di frutta nelle bibite”.
Questo è il commento di Coldiretti Alessandria sulla decisione della Commissione Politiche dell’Unione Europea della Camera che ha bocciato l’emendamento alla Legge Europea 2013 finalizzato ad innalzare la percentuale minima di frutta nei succhi e bevande analcoliche dall’attuale 12% al 20%, "una misura che era nell’interesse dei consumatori e dei produttori italiani" hanno aggiunto Roberto Paravidino e Simone Moroni, presidente e direttore della Coldiretti alessandrina.

Non è solo una notizia che getta nella più assoluta prostrazione i produttori di frutta ma che coinvolge e danneggia i consumatori italiani, in particolare i bambini, che avrebbero diritto ad alimenti di qualità superiore. “L’Italia con il primato europeo nella qualità e sanità degli alimenti – hanno aggiunto Paravidino e Moroni - ha il dovere di essere all’avanguardia nella battaglia per cambiare norme che sono difese in Europa solo dalle grandi lobby industriali”. Innalzare la percentuale minima di frutta nei succhi e bevande analcoliche dall'attuale 12% al 20% avrebbe concorso a migliorare concretamente la qualità dell’alimentazione: "ancora una volta però l’Unione Europa si trincea dietro al sistema della tutela della libera circolazione delle merci, ma in questo modo si limita la circolazione di prodotti di più alta qualità". Il risultato è che non vengono difesi gli interessi dei consumatori: “Ora, questa battaglia di verità e di trasparenza – concludono Paravidino e Moroni – si sposta nelle aule parlamentari. La Coldiretti garantisce il suo impegno ai produttori e ai consumatori italiani per rimuovere un atto di autentica ingiustizia”.
27/03/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano