Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

La fusione non piace ai Comuni, solo tre casi e pure 'complicati'

Nonostante i tanti soldi di incentivo le fusioni tra Comuni sono ancora pochissime. I tre casi della provincia di Alessandria evidenziano che non è facile mettere d'accordo tutti. Se poi la burocrazia non aiuta la faccenda si complica
 PROVINCIA - In una provincia che fino a un anno fa contava ben 190 Comuni ci si sarebbe aspettato che l'incentivo alle fusioni volontarie – 3,5 milioni d euro in dieci anni e un 'bonus' dalla Regione – avrebbe avuto un po' più successo. E invece nell'Italia dei campanili è prevalsa la diffidenza e la gelosia: gli esempi alessandrini sul tavolo sono solo tre, e neppure – per ora – senza conseguenze. Due e mezzo in verità, visto che Lu e Cuccaro non sono ancora ufficiali: stanno facendo le pubblicazioni di nozze. E come in tute le coppie c'è una parte (Lu) più convinta, e l'altra più refrattaria alle novità.

L'unico vero caso spontaneo è stato Piovera Alluvioni, dal primo gennaio 2018 una unica realtà retta da un commissario prefettizio in attesa di nominare un unico primo cittadino. I sindaci uscenti Enrico Boccaleri e Giuseppe Betti erano riusciti a convincere le rispettive comunità che la fusione fosse una novità vantaggiosa. E così fu. Ma il passaggio senza precedenti ha inevitabilmente portato disguidi e intoppi. Ci si aspettava forse una burocrazia più snella ed una Regione che lo facilitasse maggiormente. Che è avvenuto in fretta e furia a fine anno (periodo già di per sé complicato), con il cambio di gestore rifiuti e cassonetti da fare prima di Capodanno. Per uniformare il personale, i consorzi, le utenze e i contratti ci vuole il tempo giusto. Come accade in questi casi ha portato il commissario a gestire solo gli affari ordinari, congelando tutte le decisioni politiche. NIente contributi ad associazioni o agevolazioni a categorie, per esempio.
Nessun si aspettava che i sei mesi di limbo amministrativo – si vota il 10 giugno – fossero così 'lunghi'. È probabile che con il nuovo consiglio comunale e la nuova giunta, la vita a Piovera Alluvioni scorrerà decisamente meglio e con le casse più piene.

Il 'caso' alessandrino ha spinto Michele Fontefrancesco e Fabio Bellinaso a tentare la strada della fusione anche nel Monferrato, con buona pace delle gelosie territoriali. Boccaleri e Betti sono stati ben felici di raccontare la loro esperienza unica, dal momento in cui nessuno aveva idea di come sarebbe andata.

"Preferite essere più piccoli e poveri, o un po' più 'ricchi' ma uniti?”, è il ragionamento dei due sindaci monferrini per spiegare in poche parole che ci son più vantaggi che svantaggi, senza tanto attaccamento alla poltrona.

Se i primi hanno fatto da apripista, i secondi ci hanno pensato molto bene sulla scorta dei pionieri, A Gavazzana-Cassano si vive un caso ancor più assurdo. Dal referendum avevano vinto i 'sì' alla fusione. Ma a Gavazzana avevano prevalso i no. Nonostante il risultato ambiguo l'iter per il mono comune è andato avanti in Regione.

I contrari alla fusione non si sono arresi. Il Comitato per il No vuole andare davanti al Tar per mantenere i due comuni divisi.
21/04/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Bando Idealitu: aspettiamo le vostre idee!
Bando Idealitu: aspettiamo le vostre idee!
Commemorata la rivolta nel carcere di Alessandria
Commemorata la rivolta nel carcere di Alessandria
Mense: nuovo presidio sotto Palazzo Rosso
Mense: nuovo presidio sotto Palazzo Rosso
'GiocALMocca', per la festa finale coinvolti oltre 300 bambini delle scuole alessandrine
'GiocALMocca', per la festa finale coinvolti oltre 300 bambini delle scuole alessandrine
stralessandria2018 le immagini degli stands in piazza
stralessandria2018 le immagini degli stands in piazza
stralessandria2018 le immagini della corsa primo gruppo
stralessandria2018 le immagini della corsa primo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa secondo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa secondo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa terzo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa terzo gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa quarto gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa quarto gruppo
Casa delle Donne: il Comune dice 3106 volte no
Casa delle Donne: il Comune dice 3106 volte no