Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Fubine

Pettazzi, il sindaco onorevole: "Mi dividerò tra Roma e Fubine"

Il neo sindaco di Fubine Monferrato, leghista da vent'anni, dividerà i suoi impegni istituzionali tra i Municipio e la Camera dei Deputati. "Doppio incarico assolutamente conciliabile", assicura, "tanti leghisti lo fanno"
FUBINE - Eletto due volte nello stesso anno, Lino Pettazzi si gode il ritorno da primo cittadino nella sua Fubine, anzi Fubine Monferrato. Solo tre mesi fa era stato scelto alla Camera, nelle file della Lega, uno dei sei parlamentari che in un certo senso rappresentano la provincia di Alessandria.

Con la lista Fubine porta del Monferrato ha preso 499 voti, il 52,91% delle preferenze de suoi compaesani. Un doppio incarico “assolutamente conciliabile”, assicura Pettazzi, d'altronde “quasi tutti i parlamentari della Lega sono sindaci o consiglieri dei propri paesi: a Fubine ho una squadra molto valida che mi aiuterà quando sarò a Roma”.

Infondo la settimana lavorativa degli onorevoli sarà anche impegnativa e di grande responsabilità, ma è piuttosto corta.

“I lavori parlamentari vanno dal martedì al giovedì, il resto della settimana la passerò a Fubine”. Che da un anno ha aggiunto al nome quel 'Monferrato', per sottolineare la vicinanza con e colline Unesco. Nonostante la ventennale militanza leghista Pettazzi a Fubine si è presentato con una lista civica che la dice lunga sull'idea che ha per il futuro: “Vorrei contribuire ad un progetto di sviluppo turistico importante”, rivela “Da queste parti non si è accorto ancora nessuno del riconoscimento internazionale ricevuto”; come a sottolineare che, tanto per cambiare, nel cuneese e nell'astigiano il 'brand' Unesco è molto più sfruttato, e meglio.

Turismo a Fubine e occupazione in provincia di Alessandria: “Nelle priorità da parlamentare c'è la creazione di opportunità lavorative, cercando di trattenere le realtà produttive sul territorio, magari abbassando la pressione fiscale per favorire le assunzioni. Da piccolo imprenditore che dà lavoro a dieci dipendenti mi capita quotidianamente di avere a che fare con disoccupazione, difficoltà economiche e disperazione”.
12/06/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini