Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Centauri: piace la sfilata sul ponte Meier, ma numeri ancora in calo

Accolta con curiosità la passerella sul nuovo ponte, specie dalle delegazioni straniere, che pure sono ancora in diminuzione rispetto agli anni passati, così come il numero di alessandrini presenti, almeno a colpo d'occhio. Per la città resta una manifestazione importante, ma forse servirebbe un cambio di passo
ALESSANDRIA - Il 73° Motoraduno Internazionale Madonnina dei Centauri, che si è svolto da venerdì 6 a domenica 8 luglio ad Alessandria e Castellazzo Bormida, ha fatto registrare un'edizione con risultati contrapposti, con un numero di moto decisamente significativo che hanno preso parte alla sfilata conclusiva (stimato in circa 8mila) ed una riduzione di oltre il 20% di centauri iscritti, tutti persi domenica mattina e questo dovuto probabilmente al cambio di percorso che ha portato alla conseguente chiusura delle strade di accesso che conducevano all’area di iscrizioni del motoraduno in viale della Repubblica (nei giardini pubblici).

Prima volta sul ponte Meier
Il corteo di moto ha sfilato ininterrottamente ed anche ordinatamente per circa un’ora nel tratto da Castellazzo Bormida ad Alessandria, tra migliaia di persone assiepate sui marciapiedi ed ai bordi delle strade ed accorse per ammirare e per applaudire lo straordinario spettacolo offerto dai motociclisti, che provenivano da ogni parte dell’Italia e dell’Europa, molti dei quali dai paesi nordici, in primo luogo la Norvegia, ma anche Olanda, Danimarca, Svezia e naturalmente Belgio, Francia, Svizzera e Spagna, che sono sede di sezioni MCMCI (assente invece, rispetto agli anni passati, la gran parte della delegazione tedesca). 

Per questa edizione il percorso arrivando ad Alessandria è stato deviato verso la stazione, poi ha superato il ponte Tiziano per passare infine sul nuovo ponte Meier ed avviarsi in piazza Garibaldi, passando da spalto Borgoglio e corso Crimea. Hanno partecipato alla sfilata in moto (come passeggeri) il presidente d’onore Mimma Caligaris, con il presidente del Moto Club Madonnina Internazionali Fulvio Bianco ed il sindaco di Alessandria Gianfranco Cuttica di Revigliasco, sulla moto guidata dal presidente del Moto Club Madonnina di Alessandria Gianfranco Caroglio.

Le classifiche
Nella classifica isolati esteri ha vinto ancora la Norvegia, che ha conquistato il 1° posto con Stein Aasbo di Fannrem con 2603 km percorsi (per sola andata) ed il 2° e 3° posto con Ketil Dombe e Pettersem Ghunn (a pari merito), entrambi di Berghen con 2598 km. percorsi.

Nella graduatoria dei Moto Club italiani si è piazzato al primo posto il Moto Club Vigili del Fuoco Italia di Trento, seguito da ‘Tartarughe lombarde’ di Vigevano (Pavia), al terzo posto il Moto Club Senigallia (Ancona), mentre nella graduatoria per Moto Club della Regione Piemonte al primo posto si è classificato il Moto Club Alba, seguito da ‘Smorbi Group’ di Alessandria e ‘Motodipendenti’ di Serravalle Sesia (VC).

Tra le sezioni estere MCMCI al primo posto si è classificata la Svizzera con 74 partecipanti, seguita dal Belgio con 43, Francia con 13 e Spagna 6.

La parte religiosa
Sabato sera il motoraduno è entrato nel vivo della sua parte religiosa, che rimane importante e rappresentativa, con la funzione religiosa celebrata all’interno del Santuario da Mons. Guido Gallese, Vescovo di Alessandria, mentre domenica alle ore 10 ha avuto luogo la celebrazione della S. Messa officiata ancora dal Vescovo, il quale al termine della funzione religiosa ha impartito la benedizione sul piazzale del santuario alle moto ed ai primi centauri che rappresentavano ogni nazione, i quali erano affiancati alle proprie damigelle ed a tutte le persone presenti nell’occasione. Anche quest'anno dunque le moto non sono entrate in chiesa, una scelta che continua a far discutere gli appassionati, da molti considerato un elemento caratterizzante della manifestazione per decenni e una tradizione rotta solo nell'ultimo biennio. 

Quale futuro per la manifestazione?
Da anni la città si interroga su quali possano essere le azioni migliori per rivitalizzare e sostenere una manifestazione che resta di grande richiamo ma che forse Alessandria non ha ancora capito come valorizzare al meglio. Altrove, manifestazioni ben più piccole sono capaci di generare un indotto notevole e vengono accompagnate da iniziative collaterali, occasioni per attrarre sempre più partecipanti e capacità di fare rete con le eccellenze del territorio. L'impressione è che questo potenziale in città, a discapito della lunga tradizione che ormai vanta il motoraduno, non sia ancora stato dispiegato del tutto, e quando i numeri sono in calo è sempre opportuno chiedersi se stia facendo tutto il possibile per mantenere, e rilanciare, uno dei momenti più attesi dell'anno alessandrino. 

9/07/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline