Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Cantine Rasore: trasferta con la seconda della classe

La squadra di Ceriotti sul campo del Lasalliano con la forza dei nervi distesi determinata da una classifica più che rassicurante
 OVADA - Sta decisamente bene la Cantine Rasore. Tanto da potersi permettere di affrontare la trasferta sul campo del Lasalliano seconda forza del girone B della C Regionale con una discreta tranquillità. La formazione biancorossa in questa prima parte della stagione da matricola ha raccolto 16 punti, in classifica si colloca in un settimo posto assolutamente positivo per un gruppo che all’inizio del campionato era preparato all’idea di dover soffrire per raggiungere la salvezza. In quattro occasioni è arrivato un successo pieno, due le vittorie ottenute al tiebreak. Peccato sia arrivata la pausa natalizia. Nell’ultima uscita infatti, Fossati e compagne si sono imposte nettamente sul campo di un Novara che si presentava alla partita appaiata in classifica. I parziali la dicono lunga di una partita che la squadra ovadese ha controllato: 25-17, 25-16, 25-19. Coach Roberto Ceriotti ha risolto quello che negli ultimi due anni, fatte le proporzioni alle due categorie, era stato il principale problema: la timidezza del sestetto biancorosso lontano dalle mura del Geirino. Sul campo un equilibrio che, pur con la rotazione di Giordano e Bastiera, ha assicurato un livello di gioco costante e mediamente alto. Ciò non toglie che la squadra debba subito riprendere il filo del discorso per poter continuare a navigare in acque tranquille. Mancano due partite al giro di boa. Dopo il Lasalliano arriverà al Geirino il Bonprix Lessona, formazione attualmente sesta con la quale provare a togliersi una soddisfazione. Poi l’Union Volley quarto in classifica, ancora in casa, per la prima del girone di ritorno. Ecco perché viene bene il cospicuo bottino messo assieme finora.

 

13/01/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook