Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Sport

Full immersion nella natura con il Trofeo Nazionale di Escursionismo

Cento chilometri, dalle montagne al mare. Scafaro: "Camminare immersi nel silenzio riporta, anche se solo per tre giorni, alla dimensione giusta del contatto con la natura"
SPORT - Torna, dal 12 al 14 giugno, l’appuntamento con il Trofeo nazionale di escursionismo, un trekking di 100 chilometri immersi nella natura, dalle montagne fino al mare. Il trofeo, un lungo trekking tra Caldirola e Arenzano, è realizzato in compagnia di istruttori nazionali di sopravvivenza e guide esperte che conoscono ogni sentiero e ogni tappa del percorso. La prima tappa, da Caldirola al monte Antola, si sviluppa su sentieri in quota, sui crinali che separano il Piemonte dalla Lombardia e dall’Emilia. La seconda, dal monte Antola al passo dei Giovi, permette di scendere a quote che variano dagli 800 ai 500 metri. La terza tappa si snoda invece tra prati e panorami verso il mare; dal passo del Faiallo si scende in modo costante verso il mare di Arenzano.

Il Trofeo riprende il percorso storico e si sviluppa partendo da Caldirola, proseguendo verso i monti Gropà (1433 metri), Ebro (1700 metri), Chiappo (mt 1699), Cavalmurone (1669 metri), Carmo (1640 metri), Antola (1597 metri), Buio (1400 metri); prosegue poi verso Crocefieschi, punta su Busalla e prosegue in direzione del Passo della Bocchetta (772 metri). Sale, poi, al Monte Leco (1072 metri), segue l’Alta Via dei Monti Liguri (AV) sotto la vetta del monte Taccone (1113 metri) e sempre su l’Alta Via punta verso Piani di Praglia. Arrivato al bivio per la Punta Martin e seguendo l’AV, si spinge al Passo del Turchino e poi verso il Passo del Faiallo, sfiora il Bric del Dente (1107 metri) e scende verso il Passo della Gava e poi della Gavetta con il mare sempre in vista fino alle prime case di Arenzano.

Il trekking si svolge in totale autonomia con pernottamento al Monte Antola e ai Piani di Praglia, in rifugi ad esaurimento posti. Per questo motivo i partecipanti dovranno avere il sacco a pelo, il materassino ed un telo. Da tener presente che, anche se si è nel mese di giugno, il tempo può cambiare in modo repentino, come sovente avviene in montagna: potrebbe fare freddo ed è possibile trovare ancora della neve. Il tragitto, dunque, su cui svolge il Trofeo è Caldirola, Capanne di Cosola, monte Antola – monte Buio, Busalla, Piani di Praglia, passo del Turchino, passo del Faiallo, Arenzano.

“Camminare immersi nel silenzio della montagna, nell’ombra dei boschi o sotto il sole dei sentieri di quota riporta, anche se solo per tre giorni, alla dimensione giusta del contatto con la natura –afferma Giuseppe Scafaro, organizzatore dell’evento - L’evoluzione del Trofeo da competizione di trail running a trekking di lunga percorrenza nasce proprio da questa nuova esigenza, continuamente espressa dai fruitori, di un ritorno all’escursionismo come attività di rilassamento e di cura dalle nevrosi accumulate a causa del ritmo della vita odierna. Dal camminare nascono sempre progetti proprio perché l’azione del camminare, magari da soli, permette di riascoltare la voce del nostro cervello. Tre giorni per montagne e colline avendo come obbiettivo personale l’arrivo in autonomia, stanchi e sporchi al mare: questo è il vero Trofeo che nessuna gara potrà mai sostituire”.

Il Trofeo di Escursionismo è sostenuto dalla Direzione Nazionale Aics e da Lowa Italia.
Per iscrizioni e informazioni www.trofeodiescursionismo.it, www.avventurateam.it e info@avventurateam.it. 
31/05/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook