Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Mornese e Capriatese inseguono la Gaviese

La formazione viola passa anche al Geirino con una rete di Campi. Arsenie e Sorbino regalo tre punti ai gialloverdi contro il G3 Real Novi. Domenica lo scontro diretto
OVADA - Rimangono vicine alla vetta Mornese e Capriatese, entrambe vincenti nella domenica del pallone. I viola di D’Este passano di misura al Geirino contro l’Ovada di Repetto. I gialloverdi di Ajjor rispondono con due reti rifilate al G3 Real Novi al termine di una gara scorbutica.

Ovada – Mornese Festeggia ancora il popolo viola. La vittoria issa la formazione a quota 44 punti alla vigilia dello scontro diretto contro la Capriatese per il secondo posto. E dire che la sfida del Geirino è stata una gara di pura sofferenza per Campi e compagni. Primo tempo con la formazione di casa che controlla centrocampo e gioco. Le occasioni migliori capitano sui piedi di Andreacchio, sinistro a lato al termine di una veloce ripartenza, e Giuttari che conclude dall’interno dell’area per la respinta di un difensore. La formazione ospite fatica con i due attaccanti, Gabriele Mazzarello e Scontrino molto isolati rispetto al resto della squadra. Nella ripresa l’ingresso di Pallavicino, con la rinuncia a un difensore, riequilibra la situazione. Al 27’ è Campi a ricevere palla direttamente dalla rimessa. Il centrocampista lascia partire un destro da venti metri che non dà scampo a Tagliafico. L’Ovada non ci sta e costruisce una grande occasione per il pareggio: lancio filtrante di Civino per Andreacchio che sull’uscita di Russo tocca con la punta del piede. Un difensore impedisce alla palla di entrare poco prima della linea.  Nel finale la formazione di casa chiede con forza un rigore. “Abbiamo fatto fatica nel primo tempo – l’analisi a fine gara di Massimo D’Este, mister del Mornese – Nel secondo tempo abbiamo costruito qualcosa di più. E’ un’annata fantastica: viviamo tutte le partite una per una”. “E’ un risultato – replica sull’altro fronte Emiliano Repetto – che ci brucia tantissimo. Meritavamo qualcosa in più per il gioco fatto. Ma è un’annata così”.

Capriatese – G3 Real Novi gara di grande equilibrio al Maccagno. Formazione ospite che punta poco al gioco, preferendo lanciare lungo sulle punte. Capriatese che fatica a sviluppare trame di gioco con continuità. La tegola è la perdita di Ferrari dopo dieci minuti per un problema muscolare. Poche le occasioni nella prima fase. La ripresa ripropone lo stesso canovaccio fino al 10’ quando Arsenie riceve palla sulla tre quarti, supera un difensore e lascia partire un tiro che non dà scampo a Franco. L’occasione migliore per pareggiare passa dai piedi di Riccio che a tu per tu con Bobbio calcia a lato. E allora è Cutuli a recuperare una palla sulla trequarti e servire sulla sinistra Sorbino: l’attaccante calibra sul secondo palo la traiettoria del raddoppio. “Partita difficile – ha commentato al termine mister Samir Ajjor – che però ha confermato la nostra crescita. Nel primo tempo non abbiamo fatto bene. Nella ripresa buona la reazione. La classifica parla da se ma non dobbiamo avere fretta, giocando ogni gara da qui alla fine per poi vedere dove saremo arrivati e trarre le conclusioni”. 

13/03/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook