Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e Lavoro

Il lavoro c'è, mancano gli artigiani. I mestieri in via di estinzione

Carpentiere metallico, pasticcere, idraulico, sarto... Sono lavori in cerca di giovani volenterosi. Confartigianato lancia l'allarme socioeconomico sul perché stanno scomparendo, sebbene ci siano richieste. Un indizio: i turni...
 LAVORO - Se già da molto tempo circolano battute su come sia difficile trovare un idraulico, figuriamoci tra dieci anni, quando per mancanza di ricambio generazionale di 'stagnini' ce ne saranno ancora meno. Si dirà che sono più rari degli orsi panda, ma purtroppo non farà molto ridere. È la triste realtà confermata da Confatigianato che recentemente ha lanciato l'allarme sulle professioni che stanno scomparendo. E i motivi sono tanti.

In provincia di Alessandria si fatica a trovare carpentieri nel settore metalmeccanico, professionalità qualificate ma che nell'immaginario collettivo non hanno lo tesso appeal dell'influencer o del cantante trap, ma che se svolti con dedizione e sacrificio potrebbero dare più soddisfazioni economiche di tanti aspiranti fashion blogger o social manager.

Problema numero uno: la scuola. “Per certi profili professionali la scuola non è più sufficiente, il diploma non basta a dare la garanzia di una formazione base. E poi sforniamo lauree brevi che non danno sbocchi...”, Piero Gulminetti, segretario provinciale Confartigianato spera molto nell'alternanza scuola-lavoro e soprattutto nei contratti di apprendistato, indispensabili per porre le basi di esperienza. “Nei servizi alla persona come le estetiste il lavoro si trova, proprio perché esistono corsi mirati”. Ma non è solo per quello.
Arriviamo così al problema numero due: la passione e il sacrificio. “Manca la flessibilità nei giovani, la disponibilità a lavorare su turni”. Poca attitudine al sacrificio sentenzia Gulminetti, che rimarca il fatto che imparare un mestiere comporti una crescita costante, ma non priva di fatica. Tutti a fare i cacke designer ma nessuno che lavori in una pasticceria anche la domenica mattina. Esagerati, provocatori questi artigiani? Mancano anche sarti, fabbri ed elettrotecnici, i lavori dei nostri padri, che per l'appunto continuano a fare solo loro. 

Problema numero tre (apriti cielo): è una questione sociale e culturale già delle nostre famiglie che alcuni lavori manuali siano malvisti: “D'accordo i lavori intellettuali, ma siamo sicuri che servano tute queste lauree brevi?”. E poi: “I giovani devono capire che sacrifici ed esperienza vanno di pari passo, e che a 20 anni senza competenze non puoi avere uno stipendio da manager”.

Eccezion fatta per quei mestieri svolti per “mera sopravvivenza” (call center, food deliver…) senza possibilità di crescita, il lavoro in un'azienda da operaio specializzato sarà . Quasi come un laureato. Ma per chi si mette in proprio arriverà il problema numero quattro: la burocrazia. “Si perde più tempo a star dietro alle carte che a lavorare”.

28/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali