Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Csvaa Informa

5 per mille: un aiuto al volontariato che non costa nulla

Questa percentuale è una fettina delle tasse che ognuno di noi deve comunque dare allo Stato e che lo Stato decide di non trattenere ma di “girare” ad un Ente senza scopo di lucro che viene scelto dal contribuente
CSVAA INFORMA - Il periodo delle Dichiarazione dei Redditi è arrivato e, con esso, anche la grande opportunità, per ognuno di noi, di sostenere il volontariato “vicino” senza alcun costo a nostro carico. Come? Decidendo di devolvere il 5 per mille delle nostre imposte all’Associazione non profit che scegliamo: questa percentuale, il 5 per mille appunto, è una fettina delle tasse che ognuno di noi deve comunque dare allo Stato e che lo Stato decide di non trattenere ma di “girare” ad un Ente senza scopo di lucro che viene scelto dal contribuente.

È possibile devolvere il 5 per mille sia attraverso la compilazione del 730 che del Modello Redditi (ex Unico) e anche attraverso la compilazione della Dichiarazione precompilata, ossia la Dichiarazione che si può effettuare in modo autonomo attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate.

La modalità per devolvere il 5 per mille è semplice: occorre dare il proprio consenso al momento finale della Dichiarazione, scrivere il Codice Fiscale dell’Associazione che vogliamo sostenere attraverso questo contributo e apporre la nostra firma. L’unico vincolo è che possiamo scegliere un solo beneficiario del nostro 5 per mille che, ribadiamo, è una quota delle imposte dovute allo Stato.

E se, prima di decidere, vogliamo capire quali sono le Associazioni che possono ricevere il nostro 5 per mille, nessun problema: l’elenco (che varia di anno in anno) di chi può beneficiare di questo contributo è reperibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Da sottolineare, infine, che il 5 per mille non è sostitutivo dell’8 per mille e neanche alternativo: è semplicemente una grande opportunità che lo Stato offre ad ognuno di noi di riservare una quota delle imposte dovute al Volontariato, riconoscendone quindi il grande valore per la crescita della società.
7/06/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi