Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Tampona l'auto ma se ne va, accusato di omissione di soccorso

L'incidente è accaduto quasi cinque anni fa a Valmadonna. Tampona un'auto con a bordo una donna e i suoi due figli ma, intimorito dalla reazione di lei, non scende dall'auto e si allontana. Viene denunciato per omissione di soccorso
CRONACA – Due versione differenti sono state esposte al giudice del tribunale di Alessandria ieri mattina, dall'imputato e dalla parte offesa, nonostante i fatti siano inequivocabilmente i medesimi.
Nell'ottobre 2013, lungo la strada per Valenza, a Valmadonna, una donna venne tamponata da un'altra auto, ad un incrocio. A bordo della macchina tamponata, oltre alla conducente, c'erano anche i due figli di uno e tre anni. La donna, subito dopo il sinistro, scende dell'auto e si rivolge al conducente dell'altra auto, M.B, che nel frattempo stava a sua volta utilizzando il telefono, per avvisare un amico. “Gli chiesi di scendere e di prestarmi il telefono perchè il mio si era rotto, ma lui si rifiutò di darmelo. Mi disse che sarebbe uscito dall'abitacolo quando decideva lui e mi minacciò di 'mettermi le mani addosso', se fosse sceso dall'auto”, ha raccontato la donna in aula. Ha anche detto di essere stata preoccupata, perchè uno dei figli aveva picchiato il volto contro il sedile davanti, nonostante fosse legato con la cintura di sicurezza, e “perdeva sangue”.

A prestare il telefono per chiamare il marito e le forze dell'ordine fu, poi, un altro automobilista, che aveva forse assistito alla scena. Resta il fatto che M.B. dopo aver discusso con la donna, si allontanò, senza attendere la pattuglia di polizia municipale. Da qui la denuncia per omissione di soccorso.
“La donna iniziò ad insultarmi. Io provai a chiederle di spostare le auto per consentire al traffico di defluire e per fornirgli le generalità. Ma lei continuò ad insultare e minacciare, ero spaventato. Non ho visto che a bordo c'erano i bambini e neppure mi fu fatto presente, e la macchina non presentava danni visibili”. Insomma, oltre alla denuncia penale per omissione di soccorso, i due si sono querelati vicendevolmente per ingiurie, davanti al tribunale civile.

La donna, la stessa sera del tamponamento, si recò al pronto soccorso perchè lamentava dolori alla schiena. I due bambini furono portati il giorno dopo all'ospedale infantile per accertamenti. Nel rapporto della polizia municipale, che intervenne dopo il sinistro, avvisati dalla donna, non risulterebbe tuttavia che i bimbi abbiano riportato ferite.
Era mia intenzione andare nella sede della polizia municipale il giorno successivo”, ha detto M.B in aula. Fu però convocato prima dagli agenti che avevano nel frattempo raccolto la denuncia della donna. La difesa dell'imputato, assunta da Alexia Cellerino, chiamerà un testimone alla prossima udienza, fissata il 5 ottobre. Poi in giudice dovrà stabilire se M.B è colpevole di omissione di soccorso, oppure no. Per le reciproche ingiurie, spetterà invece al tribunale civile.
4/07/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano